Franchising Accessori Moda, Franchising Bigiotteria, Pelletteria, Borse, Bijoux, Sciarpe e Pashmine

Aprire un negozio che vende accessori moda prevede un iter amministrativo e burocratico abbastanza semplice. Una volta trovato il locale, che può essere anche di piccole dimensioni ma necessariamente in una zona ad alto transito pedonale, si può procedere con l'apertura della partita iva, la registrazione presso la camera di commercio e con la dichiarazione di avvio attività al comune.

Tutto questo dopo aver scelto il franchising a cui affiliarsi. I franchising di accessori moda hanno il grosso vantaggio di fornirti merce sempre di tendenza, con un ricambio continuo e nella maggior parte dei casi in conto vendita. A differenza di un attività aperta autonomamente avrai quindi la possibilità di pagare la merce in base al venduto e rendere alla casa madre le rimanenze di magazzino evitandoti la loro onerosa gestione.

I negozi di accessori moda solitamente propongono: bijoux, bigiotteria, borse, cappelli, pelletteria, sciarpe, pashmine, occhiali e altro ancora.

Di seguito presentiamo le migliori offerte per chi volesse aprire un negozio nei settori franchising bigiotteria, franchising pelletteria, franchising gioielli, franchising bijoux e accessori moda.

Puoi scegliere tra 0 marchi

Al momento non ci sono franchisors in questa categoria

Leggi l'intervista fatta a Valentina, titolare del negozio di accessori moda a Monteroni (LE), affiliata al marchio Particolari Franchising.

Come è arrivato a conoscere il marchio PARTICOLARI e quali sono i fattori che l’hanno portata a diventare un affiliato? Quando io e mio marito abbiamo deciso di aprire un negozio di borse ed accessori da donna abbiamo fatto una ricerca di mercato che ci ha portato a confrontare diversi marchi del settore. Dopo una prima selezione basata sulla ricerca della fascia di prezzi da proporre alla nostra potenziale clientela, siamo stati attratti dal marchio PARTICOLARI per il modo in cui venivano esposti i prodotti nei punti vendita; un modo chiaro e sistematico tale da mettere ben in evidenza tutto l’assortimento proposto, i differenti stili, i materiali, i colori, ecc … il tutto ben supportato dalla scelta di un arredamento semplice ma elegante. Insomma, un bel vedere …

Perché ha scelto di mettersi in proprio? Dopo anni di lavoro nei negozi di famiglia ho voluto credere in me stessa.

Ha aperto più di un punto vendita? Al momento no, ma stiamo valutando l’apertura di un altro punto vendita Particolari

Quali motivi l'hanno spinta ad avviare questa attività in franchising? E perché proprio nel settore degli accessori moda? Ho sempre creduto nel franchising per tutta una serie di motivi di natura sinergica. Il settore degli accessori moda non è stata una scelta ma una piuttosto una passione che ho sempre inseguito e ad un certo punto ho voluto realizzare, anche perché ho creduto fosse un’attività che potesse andar bene nel territorio in cui opero e i risultati mi stanno dando ragione.

Come ha provveduto a finanziare l'operazione? In parte ho usato il mio capitale, mentre per la parte mancante ho presentato il mio progetto ad una piccola Banca locale che lo ha ritenuto valido e meritevole di credito.

Gestisce l’attività in via principale o la mantiene come attività secondaria che utilizza per aumentare le sue entrate? Per la mia famiglia non è l’unica fonte di reddito, ma per me è il mio lavoro e la mia passione.

Che giudizio da’ all'assistenza ricevuta dalla casa madre? Ottima. Sin da quando mi sono proposta come potenziale affiliata ad oggi ho sempre ricevuto tutte le attenzioni necessarie per riuscire al meglio; … e l’aspetto più importante è stato il rapporto a dimensione d’uomo con cui la casa madre si relaziona con i propri affiliati cominciando da Antonio e Donatella, i titolari, per finire a tutti gli altri ognuno nei propri ruoli.

Qual’ è stato l’iter burocratico che ha seguito per iniziare l’attività? Abbastanza semplice, iscrizione alla Camera di Commercio, richiesta di partita IVA, scelta del partner bancario e qualche altra sciocchezza.

Il Franchisor l’ha supportata in questo? Si! … ed in modo egregio, presentandomi e consegnandomi in un apposito corso di formazione un manuale con tutte le indicazioni di ciò che doveva essere fatto.

Chi pensa alla promozione della sua attività/punto vendita? Laura, la responsabile dell’ufficio marketing, che oltre a proporre la strategia di comunicazione studiata dall’Azienda per tutti i punti vendita, ci dà supporto ed avalla eventuali iniziative locali che riteniamo utili per promuovere il nostro punto vendita.

La casa madre le fornisce aiuto a riguardo? Loro si occupano di tutto ciò che serve per la campagna di comunicazione studiata per tutti i punti vendita a livello nazionale. Rimangono a nostro carico eventuali iniziative locali.

Può darci un giudizio generale e complessivo sull'andamento della sua attività? I nostri clienti esprimono giornalmente la loro soddisfazione nel frequentarci e noi abbiamo il piacere nel riuscire ad accontentarli nella maggior parte dei casi … Ci riteniamo molto soddisfatti!